Gatto di razza e pedigree

Il mio amore verso la razza certosina, iniziò molti anni fa.
Da quel momento è passato del tempo prima di poter incontrare il mio primo micio blu, tempo che mi ha permesso di acquisire informazioni e mi ha portato ad abbandonare l'idea iniziale di acquistare un cucciolo senza pedigree e quindi un cucciolo senza garanzie.

Il pedigree non è un documento incomprensibile per persone snob, ma è la carta d'identità di un gatto, contiene il suo albero genealogico ed altre importanti informazioni. Nel pedigree trovate gli avi del cucciolo, potendo così risalire agli allevamenti che hanno contribuito alla sua nascita.
E' importante avere ben chiaro che quando acquistate un cucciolo, NON pagate il pedigree, come qualcuno vorrà farvi credere, bensì tutto un lavoro di selezione su carattere, bellezza e salute di quel cucciolo, lavoro che parte da lontano...
L'allevatore deve sostenere forti spese per l'acquisto dei riproduttori e per il mantenimento ed il benessere dei suoi gatti... alimentazione di qualità, integratori, spese veterinarie (vaccinazioni, visite, esami, ecc.), esposizioni feline, seminari, tiragraffi, giochi e accessori vari.
Voi pagate il sacrificio di un'attività 24/24 per 365 giorni all'anno, portata avanti dalla passione e non certo dai soldi.
E quando e se vi porrete
 le classiche domande "ma perchè trovo cuccioli a prezzi così diversi?" e "perchè pagare di più, se... ?" pensate a quanto appena detto... Quando acquistate un cucciolo, voi NON pagate il pedigree, voi pagate la qualità, l'impegno e le competenze che stanno dietro a quel gatto e non importa che sia da expo oppure no. 

Dovete sapere che un cucciolo senza pedigree, per legge, non può essere dichiarato di razza ed è vietato vendere cuccioli senza pedigree spacciandoli come tali. Quindi state attenti se vi viene proposto un gatto come di razza, senza alcun documento che ne certifichi le origini, perchè la scorrettezza inizia da lì e oltre non potete sapere cosa si nasconde. 

Richiedere il pedigree è un vostro diritto e mi piace pensare che sia anche un atto di rispetto verso il cucciolo che state adottando e verso l'impegno di chi lavora per la continuità ed il miglioramento di una razza.